Cambiamenti climatici

Cambiamenti climatici: cause, rischi e conseguenze

Lo notiamo anno dopo anno che ci sono gravi cambiamenti climatici dove si evidenziano danni disastrosi.

Le estati sono sempre più roventi. Le mezze stagioni non hanno più un significato chiaro. Perfino la natura è impazzita, come anche il letargo degli animali che hanno bisogno di dormire per lunghi periodi.

Pensare che è una cosa che non ci tocca, perché si vive in città, perché si ha una quotidianità industriale o anche perché alla fine il nostro bel giardino è sempre verde, vuol dire “menefreghismo”. Tutti siamo ormai vittime dei cambiamenti climatici.

Come? Un esempio è dato da quello che mangiamo. Possiamo avere un’alimentazione molto vegetariana o addirittura vegana, ma la frutta e verdura sulle nostre tavole sono:

  • Pieni di concimi chimici
  • Gonfi di ormoni
  • Annaffiati con acqua non sempre potabile
  • Lavati e lucidati con elementi industriali

La prova di quello che diciamo è data dall’aumento delle malattie digestive, problemi al pancreas, colone e intestino, oltre anche alle malattie cardiache. Praticamente quello che mangiamo ci sta uccidendo è questo è un problema dato dal cambiamento climatico che sta uccidendo la natura che ci circonda.

Le diversità climatiche degli ultimi 20 anni

Negli ultimi 20 anni ci sono stati tanti cambiamenti climatici velocissimi. Cosa ci stanno dicendo gli esperti? Il problema del buco dell’ozono, della presenza di anidride carbonica e tossine di smog, è stato un primo campanello d’allarme, già dichiarato oltre i 20 anni fa. Ogni giorno c’è un assottigliamento di questo gas. Non esiste un solo buco dell’ozono, ma abbiamo un’atmosfera ormai a “macchia di leopardo”.

Comunque questa è stata la prima conseguenza dei cambiamenti climatici, che hanno portato a velocizzare le catastrofi naturali. Infatti, si calcola che il caos che è capitato negli ultimi 20 anni, non capitava dalla creazione del pianeta terra. La differenza era che milioni di anni fa, c’erano una serie di elimini chimici e reazioni connesse, oggi siamo noi a creare questi problemi.

Cause principali dei cambiamenti climatici

Al primo posto delle cause dei cambiamenti climatici troviamo l’aumento delle emissioni. La combustione di:

  • Carbone
  • Petrolio
  • Gas
  • Legna
  • Inceneritori

Provoca anidride carbonica e ossido di azoto che hanno saturato l’aria e limitare la produzione dell’ossigeno.

Al secondo posto troviamo la deforestazione che avviene sia con un taglio selvaggio degli alberi e con gli incendi che devastano tutto. Questo va a rendere povera la vegetazione.

Tuttavia si nota che sono comunque tutte problematiche date dalla mano umano. Continuando nel triste elenco, troviamo:

  • Carenza di smaltimento della plastica
  • Produzione eccessiva di elementi chimici
  • Inquinamento idrico
  • Deforestazione a scopo agricolo
  • Estinzione della biodiversità nella flora e fauna
  • Modifica strutturale degli ambienti

La natura ha un equilibrio molto delicato, che ogni giorno subisce modifiche che lo rendono ancora più caotico.

Rischi, conseguenze e un futuro non roseo

Quali sono le conseguenze del cambiamento climatico? Le iniziamo già a intravedere. Esse sono:

  • Scioglimento di calotte polari e permafrost
  • Aumento del livello dei mari e oceani
  • Maggiore frequenza di fenomeni meteorologici violenta
  • Precipitazioni piovose
  • Maggiore frequenza di tifoni e cicloni
  • Rischi idrogeologici
  • Aumento di terremoti
  • Desertificazione

Il futuro potrebbe essere una triste landa desertica dove il suolo verrà totalmente impoverito della sua vita naturale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *