ICAR
Skip Navigation LinksHOME PAGE » ICAR PLUS » RAPPORTO ICARPLUS » I progetti ICA
CISIS
I progetti ICA

Realizzare la cooperazione applicativa non è rispondere ad una normativa del Codice dell’Amministrazione digitale, ma comprendere e mettere in pratica le sue potenzialità per migliorare i processi interni della pubblica amministrazione, lo scambio di dati e l’interazione con altri enti e l’erogazione di servizi ad altre PA e cittadini, imprese e categorie professionali. Pertanto è la dimensione più propriamente “applicativa” dell’ICA il fulcro dell’indagine ICAR plus. Fornire un quadro delle iniziative concretamente avviate, quindi delle soluzioni effettivamente o a breve in uso, descrive la situazione reale della diffusione dell’ICA, per cui politiche, regole, governance e infrastrutture rappresentano indispensabili premesse.
L’oggetto osservato nella presente indagine, in una fase ancora iniziale di tale dispiegamento, sono i progetti attualmente attivi che prevedono soluzioni di interoperabilità e cooperazione applicativa. Sono orientati allo sviluppo di soluzioni ICA circa 190 progetti di Regioni e Province Autonome, cui va aggiunta l’esperienza della Toscana (non quantificabile in questi termini, in quanto è la Regione che da più tempo ha disponibile un’infrastruttura ICA dispiegata sul territorio e per cui l’ICA è una prassi praticata per ogni progetto che sviluppi soluzioni applicative). Sono stati analizzati in modo approfondito 148 progetti, orientati a semplificare processi e servizi in precise aree tematiche Il Rapporto ICAR plus analizza le caratteristiche generali dei progetti, ma anche alcuni aspetti di carattere organizzativo e tecnologico, indispensabili per comprendere la qualità delle soluzioni e i loro impatti in termini di cambiamento e miglioramento organizzativo.