ICAR
Skip Navigation LinksHOME PAGE » ICAR PLUS » RAPPORTO ICARPLUS » Le Policy per la Società dell’Informazione
CISIS
Le Policy per la Società dell'Informazione

L’osservazione delle politiche in tema di società dell’informazione e dell’e-government dovrebbe consentire di di individuare, territorio per territorio, il “file rouge” che lega, a partire dai fabbisogni fino agli obiettivi più specifici, gli interventi in corso e programmati. La lettura dei documenti prodotti dalle Regioni, unitamente alle strategie interregionali, forma un’idea della trama che è e sarà intessuta nel prossimo futuro per favorire il miglioramento dei sistemi territoriali.
In questo “ordito”, molto articolato e si spera animato da forte capacità attuativa e confortato da giuste risorse dedicate allo scopo, il tema della cooperazione applicativa e della interoperabilità tra sistemi ricopre un ruolo tutt’altro che marginale o strettamente tecnico.
L’idea di consentire che i sistemi siano capaci di “parlarsi” e condividere dati, in modo automatico e secondo regole e standard condivisi, riconosciuti e monitorati, in modo sempre più pervasivo rispetto alle esigenze degli utenti coinvolti (le pubbliche amministrazioni, i cittadini, le imprese) rappresenta un contenuto chiave delle attuali “policy” in tema di e-government perché tale logica è riconosciuta come indispensabile per la realizzazione di servizi pienamente innovativi. Le strategie che tendono all’affermazione dell’e-government in questo modo inteso (trasversale, pervasivo, cooperativo, sincrono) concordano su tali principi le cui attualizzazioni possibili, in virtù della maturità acquisita in questi anni, sono sempre più chiare. Si riconosce infatti che l’interoperabilità e la cooperazione applicativa aggiungono qualità ai servizi offerti, consentono di risolvere in molti casi il problema della duplicazione dei servizi e delle informazioni e di superare il rischio che dietro ai servizi non si realizzi un reale cambiamento nel back office dell’amministrazione. Contribuiscono ovviamente a questa attenzione i progressi fatti sulla strada dell’SPCoop e le regole definite nel Codice dell’Amministrazione Digitale.

Materiali
CAD