ICAR
Skip Navigation LinksHOME PAGE » ICAR » Progetto » Gli Interventi Previsti » INF-1 "Infrastruttura di base"
CISIS

Intervento INF-1
“Realizzazione dell’Infrastruttura di base per l’Interoperabilità e la Cooperazione Applicativa a livello interregionale”

Questo intervento progettuale mira alla definizione e realizzazione di un’infrastruttura di base per l’interoperabilità e la Cooperazione applicativa tra le Regioni partecipanti al progetto.

OBIETTIVI

Gli obiettivi dell’intervento sono:

- la definizione di specifiche e modelli standard dell’infrastruttura di interoperabilità e cooperazione applicativa;

- la realizzazione di un’implementazione di riferimento dei servizi di interoperabilità e cooperazione applicativa.

FLUSSI

Tali obiettivi vanno letti alla luce dell’architettura prevista dal Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione chiaramente orientata alle comunicazioni punto-punto tra le porte di dominio, attraverso una federazione di centri SICA  in grado di offrire servizi di cooperazione a diversi domini applicativi che attraverso nodi specifici espongono le diverse porte applicative.

Infatti, il task INF-1 parte dal presupposto dell’esistenza di un insieme di enti che, per ragioni organizzative, ha realizzato un sistema di cooperazione conforme alle specifiche SPCoop, ma bisognoso di servizi evoluti sia all’interno (tra i soggetti delle singole reti private); sia all’esterno (tra soggetti appartenenti a reti diverse).

A tal fine, il task INF-1 realizza un insieme di componenti SPCoop, detto “NICA” (Nodo di Interconnessione per la Cooperazione Applicativa), composto da una porta di dominio con funzionalità estese, in grado di ospitare i servizi a valore aggiunto previsti nella specifica SPCoop, come:

  • o un registro SICA di secondo livello dei servizi erogati dagli enti regionali, distribuito a livello interregionale, ma unico da un punto di vista logico, che contiene la descrizione di tutti gli attori (intesi sia come soggetti erogatori e fruitori di servizi che come applicazioni informatiche) abilitati ad accedere all’infrastruttura;
  • o un gestore eventi in grado di supportare comunicazioni di tipo EDA a livello regionale ed interregionale.

In sostanza, il task realizza il dispiegamento dello standard SPCoop su una struttura articolata e complessa come quella interregionale, dove appare abbastanza evidente l’esigenza di organizzare una topologia dell’infrastruttura di cooperazione in cui due enti afferenti a diverse Regioni possano cooperare tra loro senza bisogno di un collegamento fisico punto-punto diretto, secondo livelli standard di servizio e di sicurezza.

BUDGET PREVISTO
5.311.600 Euro


- quote regionali:
4.419.100 Euro

- quote interregionali CISIS:
150.000 Euro

- quote interregionali capofila:
742.500 Euro



ENTE CAPOFILA
Regione Toscana
http://www.regione.toscana.it

LE REGIONI PARTECIPANTI